May 21st, 2014

scrivo orgogliosamente da un wordpress 1.5.2

stanotte mi sono cancellato anche da twitter. lunga vita ai blog. lunga vita alla libertà vera.








lisalepio

January 25th, 2013

altri 2 anni passati. cosa ho fatto in tutto questo tempo? a parte mia figlia lisa nulla. no anzi: il nuovo calepiopress con leone :-)








obliquid.org

February 1st, 2011

è online il nuovo sito di OBLIQUID. creato principalmente come base per il nostro cms OOOGUI.








perchè non scrivo più nel mio blog

June 30th, 2010

perchè un uomo nella sua vita ha pochissime cose buone da dire. tutto il resto è noia.

sedici anni fa scoprivo il www.
quindici anni fa mi innamoravo di internet con irc.
dodici anni fa ci si apriva una homepage.
sette anni fa esplodeva il mondo dei blog.
quattro anni fa andava di moda second life.
tre anni fa il must era facebook. e due anni fa twitter.
quest’anno è il momento degli smatphone con tutti i loro derivati.

e allora mi sono dedicato a capire come funzionano le cose da dentro, dietro. non mi interessa più cosa può portare a dire la spontaneità di un uomo, perchè l’ho esaurita, ce l’ho messa tutta. ora mi interessa capire come funziona il mondo mainstream, come si fa un motore di blog, come si fa un network come secondlife, come si sviluppa un’interfaccia come quella degli smartphone.
l’epoca della spontaneità è finita, la sincerità spero di no, ma le buone idee arrivano a vent’anni, a trenta, e alla soglia dei quaranta diventano una caricatura. un onesto quarantenne dovrebbe fare come feltrinelli, dovrebbe lottare a costo della vita per le buone idee che ha avuto. dovrebbe…

questo blog è arrivato, nel suo periodo di massimo splendore (direttamente proporzionale al periodo di massima produzione), ad avere qualche centinaio di lettori unici al giorno. ora non c’è più nessuno che lo legge, e non crediate, voi “nessuno” che lo state leggendo, che non me ne dolga. se c’è una cosa di cui l’uomo è ghiotto è di avere un seguito, di sentirsi utile, seguito, ben voluto, ma sempre e soprattutto di appartenere ad un gruppo, ad un fenomeno sociale, perchè noi siamo esseri sociali. l’importante è partecipare, come recitavano ethelbert talbot, de coubertin, gaber e tanti altri. una volta si usava semplicemente la parola “successo”, anche se per un blog non è mai stata legata al concetto di soldi. noi, quelli come me, hanno avuto la possibilità di avere un pubblico senza corrompersi con il mondo mainstream. abbiamo provato una libertà che il mondo della censura manco si accorgeva fosse possibile. il piacere che ne è derivato è indescrivibile, e resterà parte predominante e ricordo preponderante della mia vita. internet è stata come una grande woodstock, che ancora le generazioni prima di noi stentano a capire come funziona, e quelle dopo si rammaricano di non averla vista nascere.

ma non biasimiamoci, questo post non vuole essere un requiem, ma un inno al futuro migliore possibile per ciò che di più importante abbiamo. uno schermo, una tastiera, e un botto di merda che da qualche parte dovrà pure uscire.








March 12th, 2010

“Il capo del Governo si macchiò ripetutamente durante la sua carriera di delitti che, al cospetto di un popolo onesto, gli avrebbero meritato la condanna, la vergogna e la privazione di ogni autorità di governo. Perché il popolo tollerò e addirittura applaudì questi crimini? Una parte per insensibilità morale, una parte per astuzia, una parte per interesse e tornaconto personale. La maggioranza si rendeva naturalmente conto delle sue attività criminali, ma preferiva dare il suo voto al forte piuttosto che al giusto. Purtroppo il popolo italiano, se deve scegliere tra il dovere e il tornaconto, pur conoscendo quale sarebbe il suo dovere, sceglie sempre il tornaconto. Così un uomo mediocre, grossolano, di eloquenza volgare ma di facile effetto, è un perfetto esemplare dei suoi contemporanei. Presso un popolo onesto, sarebbe stato tutt’al più il leader di un partito di modesto seguito, un personaggio un po’ ridicolo per le sue maniere, i suoi atteggiamenti, le sue manie di grandezza, offensivo per il buon senso della gente e causa del suo stile enfatico e impudico. In Italia è diventato il capo del governo. Ed è difficile trovare un più completo esempio italiano. Ammiratore della forza, venale, corruttibile e corrotto, cattolico senza credere in Dio, presuntuoso, vanitoso, fintamente bonario, buon padre di famiglia ma con numerose amanti, si serve di coloro che disprezza, si circonda di disonesti, di bugiardi, di inetti, di profittatori; mimo abile, e tale da fare effetto su un pubblico volgare, ma, come ogni mimo, senza un proprio carattere, si immagina sempre di essere il personaggio che vuole rappresentare.”

Qualunque cosa abbiate pensato, il testo, del 1945, si riferisce a Mussolini…








il curolleggio

November 18th, 2009

ovvero curry pollo e taleggio

ho notato che ci sono ricette per fare il pollo con lo zola, e ovviamente c’è il celeberrimo pollo al curry. io avevo del pollo, del taleggio invece dello zola, e del curry, e non ho resistito alla tentazione di mettere tutto assieme.
metti un filo d’olio nella padella, ci metti il pollo (io non l’ho fatto a pezzetti per pigrizia, ma avrebbe anche senso), un po’ di sale, e inizi a farlo cuocere. da ambo i lati.
nel frattempo togli la crosta e fai a cubetti il taleggio. preparane quanto ne vuoi, più ce n’è più il pollo annega, tieni solo conto che alla fine te lo devi magnare tutto.
il curry l’ho aggiunto a due terzi della cottura.
quando il pollo è cotto e dorato, buttaci il taleggio, in modo che faccia giusto in tempo a sciogliersi.
come sempre, servire senza dire cosa è. gli ospiti tendono ad apprezzare di più il piatto.

p.s.: ho letto da qualche parte che la carne va cotta girandola una sola volta. sposo la tesi, ci si sbatte di meno.








considerazioni banali

November 17th, 2009

aggressivo:
facce di culo, vi lascio soli un attimo e tornate tutti al tavolo a fare i compiti.

ipotetico:
è l’inizio di una nuova epoca, poi andrà meglio.

pessimista:
i 40 sono la morte nera.

realista:
pensa a laurà.

ci siamo sentiti per anni i paladini del verbo digitale. abbiamo cavalcato per primi le onde dell’epoca interconnessa, abbiamo scoperto per secondi come funzionava, abbiamo sbracato per terzi nell’orgia social… e per primi, nuovamente, ce ne andiamo? è così che chiudiamo il cerchio?
detto in prosa, nonostante il momento aulico in cui scrivo (per me, ovviamente… voi starete già dormendo) la mia generazione sta mollando la botta sull’internet pubblico. la mia generazione è quella dei nati nella prima metà degli anni settanta, o ultimi anni sessanta. la nostra iniziazione è passata attraverso i primi collegamenti seriali e paralleli, la nostra adolescenza era ancora libri e vinili, ma la nostra punta di diamante è stata l’attività bloggatoria, è stata la new economy, i segreti (mio malgrado) del DOS. siamo la generazione windows (e saibaba solo sa quanto mi pesi ammetterlo).
ebbene sembra che la nascita di nuove forme di vita, la clonazione di se stessi, insomma, il mettere al mondo i figli, sia il più fenomenale acido contro la basicità della nostra vita. abbiamo sempre avuto il dubbio che la famiglia fosse incomaptibile con la vita che facevamo, ma tutto si sta ribaltando, e riscontrarlo così puntualmente mi ha buttato addosso un fiotto di imbarazzo e prurito cui non posso prescindere. sia chiaro: mi fa piacere che sia stata scelta la famiglia (NON in senso cristiano, ma antropologico), non voglio passare per irriducibile, non lo sono. ma mi sentivo in dovere di sollevare lo sguardo su quello che sta succedendo: le pagine che con più piacere ho sempre letto su internet, insomma i blog dei miei amici, non ci sono praticamente più (e io sono stato tra i primi a smettere di scrivere). e se devo essere sincero anche i miei amici non ci sono praticamente più, ognuno in cammino altrove.
la vita ci ha preso tutti in contropiede, giusto per testimoniare che è ancora lei a dettare le regole. macigni sono cascati dal cielo, vortici sono sorti sotto al culo. siamo sempre orgogliosi di stare nella stessa barca, anche se tutte le energie servono per non farla finire a fondo. quasimodo parlava di sera subito e montale di tutto il suo travaglio, e noi ci siamo cascati dentro in pieno: stiamo passando dai bit alle bavaglie, dai gin tonic agli idraulici, dai conti del bar a quelli della banca. dai viaggi nelle baite a quelli negli ambulatori. come è semplice e banale. come è difficile e incerto.

tiro fuori a caso un vinile dagli scatoloni che mi ha lasciato ezio prima di partire per miami. pink floyd: meddle. bella scelta. un buco di un orecchio in copertina. loro giovanissimi. io pieno di peli bianchi.








gli alberi

November 12th, 2009

ho 37 anni. ho il riscaldamento in casa. ho una connessione adsl.
siamo i primi figli dell’informatica. e metà di noi odia l’informatica. forse per colpa del digital divide, perchè potersi immergere nell’informatica era roba da benestanti. adesso pure i benestanti si stanno distaccando, o quantomeno stanno passando dall’altra parte del bancone (per citare un lessico da bar), lasciando la prima linea ingenua ed innocente per ritirarsi nelle trincee della tecnicità. ma l’informatica è la nostra grande opportunità culturale, il nostro nuovo linguaggio, per dirla schiettamente.

cosa vuol dire per una generazione vivere un cambiamento di linguaggio? vuol dire qualcosa che accade con una periodicità millenaria. si dice che il cervello umano abbia un pezzetto, un qualche decigrammo, dedicato al linguaggio. e sono cose che darwinisticamente non si creano da un giorno all’altro. ebbene la nostra generazione ha visto cambiare il contenuto di questo “tocco” di cervello. la portata è ancora tutta da commisurare e assaporare, entusiasmo e campanilismo (mio e dei tecnicisti come me) a parte. e per essere più precisi il grande cambiamento non sta nel passagio dal decimale al binario, ma dal lineare all’albero. anzi, per dirla un po’ più correttamente, dal sequenziale al grafo.
la storia si distacca dalla preistoria per l’invenzione della parola scritta. il linguaggio scritto come lo intendiamo è lineare. un libro si legge parola per parola, riga per riga. linearmente. un programma è un grafo, li chiamavamo diagrammi di flusso. si passa da un ragionare lineare, ad un ragionare ad albero. si impara a non aspettare più la parola seguente, ma a scegliere il nodo successivo, con la consapevolezza che ci sono anche gli altri nodi possibili, quelli non scelti. negli anni ottanta si parlava di universi paralleli. oggi parlerei di siblings, di fratelli del nodo in cui ci si trova all’interno dell’immenso grafo che è la conoscenza.
se qualcuno oggi mi chiedesse cosa vuol dire programmare gli direi che è la capacità di muoversi su un albero. come il barone rampante, che non si ritira in mare, o in una stanza, ma su un albero. imparare a rappresentare i problemi come un’insieme di particelle tra loro legate da forze, legami, relazioni, che portano ad altre particelle, che creano un tessuto di particelle cui tutti facciamo parte. non è più importante la scelta del singolo, ma la logica con cui ogni singolo compie le proprie scelte, moltiplicato per tutti i singoli del grafo, fino a generare i fenomeni di massa, i comportamenti sociali. come un algoritmo ricorsivo che non contempla tutte le combinazioni di scelte possibili, ma solo le regole con cui ogni particella compirà la propria scelta.

è ovvio che scrivendo con la lingua scritta come sto facendo ora, con il linguaggio che ci ha distinto dalla preistoria, non si possa spiegare ciò che ci sta distinguendo dalla storia. un po’ come non è possibile con le parole descrivere la musica. forse è per questo che anche i blog lasciano il passo ai social network, che ftp lascia il passo al peer to peer.








links for 2009-09-11

September 11th, 2009







links for 2009-09-08

September 8th, 2009